Padre Jozo Zovko

jozo2.jpgVenne nominato parroco di Medjugorje otto mesi prima dell’inizio di tutto…..Otto mesi prima di quell’eterno 24 Giugno 1981.

Era stato mandato via dalla parrocchia di Posuje (Ex Jugoslavia) su pressione del regime comunista titino perché la sua presenza era diventata un importante punto di riferimento per tanti giovani. Per questo era stato relegato nella sperduta e piccola Medjugorje.

Da li…. da quell’insignificante paesino disperso sulle ruvide colline della Bosnia non avrebbe potuto fare più nulla…………

Quando cominciarono le apparizioni per i 6 ragazzi, il sapiente scetticismo proprio non solo dei realisti e dei pragmatici ma anche degli uomini di spirito lo indusse a dubitare…

Perché la Madonna avrebbe dovuto apparire sulla collina sopra la sua parrocchia?Perché la gente preferiva andare su quella collinetta e credere a questa storia piuttosto che in chiesa a pregare?

Cominciò a interrogare i 6 ragazzi pensando potessero essere stati drogati o plagiati dai comunisti per screditare la chiesa.

Per settimane andarono avanti questi interrogatori e più proseguivano e più la pace e la gioia che trasudava dai cuori di questi 6 ragazzini strideva con la preoccupazione e l’incalzante perplessità che si infittiva tra le pieghe del suo spirito.

Tutto questo durò fino a quando il grande fra Jozo, sapendo bene che la preghiera è l’unico mezzo per poter comprendere i misteri più profondi della nostra vita, indisse una veglia di preghiera a Medjugorje affinche si palesasse quale fosse la verità e la volontà di Dio sulla sua parrocchia.

In quella veglia durante la recita del santo rosario fra Jozo va  in estasi e vede anche lui assieme ad altri parrocchiani la Vergine avvicinarsi verso l’altare e pronunciare le stesse parole che il piccolo Jakov (10 anni,il più piccolo dei veggenti) aveva riferito di aver sentito da Lei poco prima : “Recitate il rosario ogni giorno.Pregate insieme”.

Da quel momento ogni dubbio si sciolse nel suo cuore e divenne uno dei più potenti divulgatori dei messaggi di amore di Maria a Medjugorje.

Naturalmente, da allora per lui e per i 6 veggenti iniziò il tempo delle persecuzioni ad opera del regime e non solo….

I  6 ragazzi vennero più volte strappati alle famiglie, minacciati, ricattati, perseguitati e provati con ogni tipo di vessazione.

Ma tutti gli esami medici stabilivano che erano sani di mente ( e nel tempo l’unica cosa che la scienza ha potuto dimostrare è che non mentono….. durante le estasi delle apparizioni il loro cervello è rapito da qualcosa di inspiegabile….) e loro erano disposti a patire qualsiasi vessazione pur di non tradire la loro Regina.

E Lui ? Fra Jozo?   

Con il pretesto di attentato all’ordine dello Stato viene arrestato e condannato a 3 anni di carcere duro, nelle galere Jugoslave: tra le più dure al mondo.

In carcere viene torturato: gli spaccano i denti, lo percuotono, gli infliggono ogni tipo di vessazione .

Di lui dirà la Vergine Maria ad uno dei 6 ragazzini : “Si è comportato santamente perdonando  e pregando per i suoi persecutori”.

Per la sua liberazione gli chiedono soltanto una cosa: che affermi che la storia di Medjugorje è solo una montatura.

Non avverrà mai.

In galera è privato di tutto, anche del breviario, finchè un giorno-neanche lui sa spiegarsi come- si ritrova in tasca il suo rosario.

Per lui è la felicità: “ Proprio quando pensavo di non avere più nulla” ripete a se stesso “ ho ritrovato tutto”.

Ora si sente fortissimo, inespugnabile.

Dal racconto di Mladen Bulic testimone oculare dei fatti : “Dieci giorni dopo il poliziotto che lo aveva picchiato morì d’infarto […] quel poliziotto l’aveva incatenato con dei ferri, gli aveva messo dei pesi sulle braccia e sulle gambe per farlo soffrire. Ma quando, al mattino, tornarono per prenderlo lo trovarono libero dalle catene, e la sua cella, priva di lampadina, era illuminata.”

Negli stessi giorni vicino Medjugorje lo vedono partecipare a una processione religiosa in onore della Vergine Maria, ma lui……. in quel momento…………. si trovava nel carcere di Foca…………….

In prigione poi, la condanna venne aggravata quando seppero che padre Jozo in carcere aveva battezzato un musulmano che, dopo averlo conosciuto……….. si era convertito al cattolicesimo.

Il carcere duro per lui si ridusse a 18 mesi dal 22 Ottobre 1981e terminò anche grazie al settimanale italiano “Il Sabato” che dopo la sua condanna lanciò una campagna pubblica di solidarietà con migliaia di cartoline di protesta che arrivarono a Belgrado.

Dopo la guerra di Bosnia si è occupato di creare centri di accoglienza per  più di 6000 bimbi orfani di guerra.Di lui, oltre alla potenza di spirito che trasuda dalla sua sconfinata umiltà sono noti i carismi di guarigione, di benedizione e di lettura dei cuori.

Sono innumerevoli i casi di persone affette da malattie inguaribili come la distrofia muscolare o la sclerosi multipla che il Signore, dopo la preghiera di padre Jozo, ha fatto  alzare dalla sedia o guarire da malattie incurabili.

Il Signore ha voluto dotarlo di questo carisma, come a Padre Pio, soprattutto perché ha il merito di aver pagato e sofferto nella sua carne.

La sua preghiera è degna di essere esaudita perché nasce da un dolore che lui per primo ha subito ingiustamente, ha accettato ed ha offerto per amore di quanti glielo procuravano.

A qualcuno che una volta azzardò una domanda sui suoi mesi di prigionia e su quei carnefici la sua umiltà lo copri con le vesti del silenzio  ma il suo volto d’improvviso si fece  triste come a celare una sofferenza grande….. ormai coperta dal perdono.

 

Per quanto mi riguarda ho avuto esperienze spirituali straordinarie con padre Jozo tra le più belle della mia vita.

Quanto è difficile trovare un uomo vero, qualcuno che a immagine di Cristo sia disposto a soffrire sulla sua pelle per amore…. Perché perdendo la sua vita…… gli altri la possano trovare.

Quanto ho sete di  uomini santi come padre Jozo, che mi insegnino attraverso il loro esempio a realizzare l’unica vera vocazione per cui esisto al mondo: l’Amore.

Padre Jozo Zovkoultima modifica: 2011-12-05T19:52:00+01:00da gerbertus
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento